Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘grazia a buon mercato’

gesu_risorto

 

“Pace a voi!”. Ma come, Signore? Quale pace? Geremia aveva detto: “Curano alla leggera la ferita del mio popolo dicendo: «Pace, pace!», ma pace non c’è” (Ger 6, 14; cf. 8, 11); e non è ciò che accade oggi? I predicatori, i catechisti, i confessori trovano assai comodo portare un annuncio vagamente consolatorio, blandamente incoraggiante, pigramente tranquillizzante… ma sì: pace! Verrebbe da dire: che ti costa? Pensa alla salute! E quando la salute non ci sarà più, un viaggetto in Svizzera, una iniezione ed entri nella pace della morte. Pensa a divertirti! Abbiamo trasformato il mondo in un intero centro commerciale a tua disposizione perché tu di diverta in pace: merci, spettacoli, animali, donne, uomini, bambini… Tutto è a disposizione del tuo divertimento, basta che paghi. Il prezzo è in denaro, ma anche in dignità, in onestà, in futuro­…

E tu, Signore, vieni a dirci “Pace a voi”? E questa festa della divina misericordia, non la stanno usando per tranquillizzare delle coscienze già troppo pigre, per narcotizzare coscienze già pesantemente addormentate?

No, Gesù! Non è questa la tua pace. La tua misericordia – come direbbe Bonhoeffer – non è “grazia a buon mercato”. La pace che dai tu è il dono del risorto, conquistato con la croce. Quando tu dici “Pace!” mostri le mani e il fianco. La pace è stata pagata a caro prezzo, a prezzo delle tue piaghe.

La liturgia di oggi ci viene data “perché tutti comprendiamo l’inestimabile ricchezza del battesimo che ci ha purificati, dello Spirito che ci ha rigenerati, del Sangue che ci ha redenti” (colletta). L’inestimabile ricchezza non può essere a buon mercato, la purificazione si ottiene attraverso il fuoco, la redenzione si realizza nel sangue.

Sì, Gesù! Come il Padre ha mandato te, anche tu mandi noi. A portare non la pace come la dà il mondo: a portare la tua pace! Non ad applicare pannicelli caldi (magari con sopra ricamato “misericordia”) sulle piaghe dell’umanità: i pannicelli caldi non curano le ferite, le peggiorano. Noi non siamo il miele della terra, siamo il sale.

Rinnova ancora su di noi, Signore, il soffio del tuo Spirito, perché possiamo operare la remissione dei peccati.

Peccati anzitutto da denunciare, perché chi pensa di non aver peccato non potrà mai convertirsi ed entrare nel regno. Il tuo Spirito ci dia la forza di denunciare anzitutto quei peccati che nessuno oggi denuncia: l’odio di Dio, il rifiuto della verità, il disordine sessuale, la schiavitù dei piaceri…

E peccati anche da espiare, perché il Padre ha mandato te come agnello immacolato, a prendere su di te il peccato del mondo, e così tu mandi noi. Noi non siamo immacolati, ma possiamo essere agnelli ed aiutarti portare, in sacrificio di espiazione, il nostro peccato e quello del mondo intero.

Signore, tu sei risorto. Noi viviamo la beatitudine di chi non vede eppure crede. Faccela vivere con responsabilità questa beatitudine. Non permettere che la tua Chiesa diventi una cassa di risonanza per la mentalità del mondo. Non permetterci di diventare i badanti di questa stanca civiltà che si trascina in attesa dell’iniezione letale. Strappaci dalla morte del cuore come hai strappato Tommaso alla non credenza. Il tuo Spirito ci metta in contatto vivo con le tue ferite, perché possiamo esserne feriti anche noi e diventare nel mondo il prolungamento reale della tua presenza. Operatori di pace, ma non come la da il mondo; apostoli della misericordia, ma non di quella a buon mercato.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: